Anna Maria di Michele

Sezione:Poesie

Ex insegnante, ha pubblicato alcuni articoli per una rivista culturale, dei racconti in un libro collettivo con altre donne, ha vinto un 1° premio per la poesia e un 3° per la narrativa.

Giorno dopo giorno
Non sono mai stata brava
a tenere lucenti i fornelli.
Né a fare le tovaglie
bianche abbaglianti.
Mentre stiro, i colori
si macchiano di parole
come serpentelli neri
che corrono e guizzano.

Alcune le annoto,
altre si annidano
fra le pieghe di gonne
e camicie, finendo
schiacciate. Altre ancora
le perdo nella spazzatura
e non le ritrovo neanche
quando vado a vuotare
i sacchetti. Cerco nei bidoni
come fanno i barboni,
poi torno,  maldestra,
tra un fornello annerito
e una tovaglia macchiata,
a rincorrere nuove parole.

Fiori e veleno
Su un fondale di nebbia,
come corroso bassorilievo,
-smagato- l’antico amore
ripercorre, in un’ attorta spirale ,
gli umori e i desideri
i rifiuti e le voglie
le nevi rugose e le piogge fresche
i ciliegi in fiore e i morsi velenosi.
E, ancora, le farfalle nere e gli occhi
di liquide pagliuzze dorate.

Non più si specchiano
marionette (ridevamo,
non sapevamo sorridere)
in un lustro vivere vuoto.
Sole vagano –surreali- voci
senza volto all’imbrunire,
e vengono ad incontrarmi
nella mia casa in via
degli oleandri, ora che,
svenduta la nostalgia,
posso riunire in un’unica
pianta i fiori e il veleno.

Articoli consigliati:

  1. 083 Anna Maria Ortese, o dell’indipendenza poetica
  2. 065 Maria, Lola e le altre storie in strada
  3. Anna Maria Ortica
  4. Anna Maria Di Michele
  5. Anna Maria Ortese o dell’indipendenza poetica
Twitter Digg Delicious Stumbleupon Technorati Facebook Email

Relazioni tra articoli interni ed esterni:

  1. Comitato Internazionale 8 Marzo » Elenco vincitrici e partecipanti - 11. set, 2010

    [...] ANNAMARIA DI MICHELE [...]

Area commenti

Devi essere registrato per inserire commenti.